vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Sezione di antropologia virtuale

In questa sezione si realizzano ricostruzioni di modelli digitali a partire da scansioni tridimensionali ottenute da scanner 3D o dati TAC e MicroTAC .
Ricostruzione del cranio di Homo habilis

I modelli digitali vengono poi analizzati tramite tecniche CAD (Computer Aided Design) e metodi di geometria morfometrica (GMM) in 2D e 3D per effettuare studi sull’anatomia evolutiva e funzionale dello scheletro, discriminazione del sesso, studi ontogenetici, asimmetrie e permette e ricostruzioni tridimensionale di resti fossili e porzioni scheletriche incomplete.

Particolare attenzione è rivolta alle analisi digitali dei resti dentali, ai fini della discriminazione tassonomica delle hominine fossili, per ricostruire la paleodieta, le attività para-masticatorie e quantificare alcune patologie dentali (malocclusione, asimmetria alveolare e affollamento dentale).

Le analisi biomeccaniche sugli stessi denti, inoltre, permettono di valutare il possibile adattamento funzionale di alcuni caratteri morfologici e comprenderne gli “stress funzionali” durante l’attività di masticazione e la para-masticazione.

Galleria di immagini

Attrezzature e strumentazioni

-          Scanner laser Next Engine
-          Scanner a luce strutturata Scansystem

Software utilizzati

-          Rapidform XOR2 (Software per la modellazione tridimensionale)
-          Avizo (Software utilizzato per la segmentazione)
-          Viewbox 4 (Software di Geometria Morfometrica)
-          Rhinoceros 3.0 (Software CAD)