vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Ravenna e il Rinascimento

Molteplici percorsi (reali e ideali) hanno attraversato la città di Ravenna nel periodo umanistico e rinascimentale, valorizzando la sua posizione geografica, strategica in rapporto ad altri centri di forte attrazione culturale: Venezia, Bologna e Ferrara da un lato, le corti adriatiche di Rimini, Pesaro e Urbino dall'altro. Ravenna e la Romagna sono quindi crocevia di percorsi che, di volta in volta, riguardano copisti e traduttori, antiquari e viaggiatori alla scoperta della grecità, ma anche artisti e musicisti.

In questa prospettiva il volume, cui hanno contribuito studiosi di ambiti diversi, esce dai confini di una storia locale per proporre un'indagine di sistema che, attraverso il ricorso a fonti molteplici, consenta gradualmente di mettere in luce percorsi e aspetti di una 'geografia e storia' della prima età moderna finora poco considerati.

Paola Degni è docente di Paleografia latina e Archeologia del libro manoscritto presso il Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna. I suoi interessi vertono sulla storia della scrittura greca e latina medievale, sulla catalogazione del libro manoscritto e sulle raccolte librarie tra Rinascimento ed età moderna.

Nicoletta Guidobaldi è docente di Iconografia musicale presso il Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna e coordina le attività dello Study Group on Musical Iconography dell’International Musicological Society. Le sue ricerche, incentrate sulla musica come componente essenziale del patrimonio culturale, riguardano l’immaginario musicale medievale e della prima età moderna, il ruolo della musica nelle rappresentazioni rinascimentali, i significati simbolici della musica dipinta.

Alessandro Iannucci insegna Letteratura greca e Tradizione classica presso il Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna. Si occupa prevalentemente di comunicazione poetica nella Grecia arcaica e classica (epica, lirica, dramma), di Luciano di Samòsata e di ricezione dei classici; è il responsabile del Frame LAB, Laboratorio Fotografico e Multimediale, dove coordina attività di ricerca nell’ambito dello studio e della comunicazione del patrimonio culturale.